Bitcoin: l’accusa di Deutsche Bank

bitcoin:-l’accusa-di-deutsche-bank

Bitcoin

L’argomento Bitcoin è sempre al centro di numerose voci. La maggior parte delle volte le dicerie sono poco lusinghiere. Per l’appunto, Deutsche Bank si è schierata per l’ennesima volta contro questa sezione delle criptovalute.

Bitcoin: cosa sono

Quando sentite parlare di Bitcoin, si fa riferimento a una valuta elettronica. Essa nasce nel 2009 per opera di Satoshi Nakamoto, pseudonimo di un’identità ancora tutt’oggi sconosciuta.

Il valore di questa moneta è molto altalenante, basti pensare che nel 2009 il valore di un Bitcoin era di 2 dollari mentre il 15 febbario 2021, per poter acquistare un Bitcoin era necessario sborsare 39.364,28 euro.

Il termine criptovaluta è composto da cripto e valuta, dunque parliamo di una valuta nascosta. È nascosta perché per poterla utilizzare è necessario conoscere un codice informatico poiché non esiste in forma fisica, ma si genera e si scambia per via telematica.

Questo processo avviene senza la supervisione di un organo bancario, infatti lo scambio della valuta avviene tramite la modalità peer-to-peer, cioè tra due dispositivi digitali senza l’ausilio di un intermediario. Con i Bitcoin è possibile acquistare beni e servizi come fosse una normalissima valuta.

L’assenza del sistema bancario, al tempo stesso, è fonte di dubbi. Infatti la sua non presenza come garante delle transazioni dà vita ad alcuni problemi circa la sicurezza e la trasparenza delle operazioni. 

Nonostante i diversi dubbi, c’è una fetta molto importante di veri e propri fan di Bitcoin, i quali sono certi della sicurezza delle operazioni grazie alla piattaforma Blockchain. Essa si basa sulla crittografia che gestisce il sistema delle criptovalute.

Per avere una panoramica più completa sulla piattaforma Blockchain, ti invitiamo a leggere il nostro articolo Blockchain: la tecnologia alla base dei Bitcoin.

L’accusa di Deutsche Bank

Come detto in apertura, Deutsche Bank si è espressa duramente nei confronti dei Bitcoin. Infatti la principale banca tedesca ha definito il valore della criptovaluta “un’illusione”. 

Sul proprio sito ufficiale il colosso bancario ha pubblicato un articolo scritto da Marion Labourè, economista e Macro Strategist di Deutsche Bank. Non è la prima volta che Labourè attacca la più nota crypto. Infatti già in precedenza egli aveva sparato a zero sui Bitcoin, comparandoli all’ambiente della moda per sottolineare il suo essere volatile.

Di seguito potrete leggere un piccolo estratto che riguarda il pensiero di Deutsche Bank:

“Ciò che è vero per il glamour e lo stile potrebbe essere vero anche per il bitcoin. Proprio come un “passo falso della moda” può accadere all’improvviso, abbiamo appena ricevuto la prova che anche le valute digitali possono essere rapidamente superate. Tutto ciò che è servito alla criptovaluta per passare di moda è stato un tweet e una dichiarazione del governo cinese”

Oggi la banca tedesca torna alla carica in seguito all’ultimo trend negativo e alla difficoltà che la valuta digitale riscontra nel superare i 49.000 dollari di quotazione. Come accennato in precedenza, secondo Deutsche Bank Bitcoin basa tutto il proprio valore su delle pure illusioni. 

Paolo Carnevali

Amante di auto, animali e montagna, provo una forte passione per tutto ciò che riguarda il calcio.