FreeBSD: cos’è e come funziona

freebsd:-cos’e-e-come-funziona

FreeBSD

FreeBSD, ecco tutto quello che c’è da sapere per sfruttare al meglio le sue potenzialità.

FreeBSD è un sistema operativo utilizzato per alimentare server, desktop e piattaforme embedded moderni. Una grande comunità lo ha continuamente sviluppato per più di trent’anni. Le sue funzionalità avanzate di rete, sicurezza e archiviazione hanno reso FreeBSD la piattaforma preferita da molti dei siti Web più frequentati e dai dispositivi di archiviazione e rete incorporati più pervasivi. Gli obiettivi del FreeBSD Project sono di fornire software che può essere usato per qualunque scopo senza vincoli.

Gli albori di FreeBSD

Il progetto ha origine all’inizio del 1993 come evoluzione dell’”Unofficial 386BSD Patch Kit” grazie all’impegno di Nate William, Rod Grimes e Jordan Hubbard, mentre il nome è da attribuirsi a David Greenman.

La prima release ufficiale, distribuita su CD, risale a dicembre 1993, poco prima che gli sviluppi di una lunga controversia legale tra l’Università di Berkeley e Novell, vadano ad incidere direttamente anche su FreeBSD, che era inizialmente basato sul fork 386BSD, contenente alcune parti originariamente derivate da Unix. Nonostante Novell accettò un accordo per chiudere la vertenza, FreeBSD doveva comunque eliminare le porzioni di codice prese dal sistema proprietario.

Il team accetta la difficile sfida, visto l’impatto che tali modifiche avevano sull’intero sistema e a novembre dello stesso anno rilascia FreeBSD 2.0, ancora piuttosto instabile ma libero da codici proprietari.

Oggi il sistema, notevolmente migliorato, è utilizzato soprattutto in ambito server, consentendo l’hosting di numerosi siti web sulla stessa macchina, grazie alla stabilità e scalabilità del sottosistema di Networking.

Nonostante la fama di sistema operativo per server, FreeBSD può essere comodamente utilizzato anche come sistema operativo desktop grazie all’efficiente sistema di gestione pacchetti, i così detti Ports, che permettono di installare agevolmente centinai di applicazioni: browser internet, ambienti grafici integrati, suite per ufficio, lettori multimediali e molto altro.

Cos’è FreeBSD

FreeBSD è un sistema operativo per una varietà di piattaforme che si concentra su funzionalità, velocità e stabilità. È derivato da BSD, la versione di UNIX® sviluppata presso l’Università della California, Berkeley. È sviluppato e mantenuto da una grande comunità .

Caratteristiche all’avanguardia

FreeBSD offre un networking avanzato: prestazioni, sicurezza e compatibilità. Elementi, oggi, ancora mancanti in altri sistemi operativi; anche tra i migliori.

Potenti soluzioni Internet

FreeBSD è un server Internet o Intranet ideale. Fornisce servizi di rete robusti sotto i carichi più pesanti e utilizza la memoria in modo efficiente per mantenere buoni tempi di risposta per migliaia di processi utente simultanei.

Piattaforma integrata avanzata

FreeBSD offre funzionalità avanzate del sistema operativo di rete alle appliance e alle piattaforme embedded, dalle appliance basate su Intel di fascia alta alle piattaforme hardware ARM, PowerPC e MIPS. Dalle appliance di posta e web ai router, ai time server e ai punti di accesso wireless, i fornitori di tutto il mondo si affidano agli ambienti di build e cross-build integrati di FreeBSD e alle funzionalità avanzate come base per i loro prodotti embedded. La licenza open source di Berkeley consente loro di decidere quanti dei loro cambiamenti locali vogliono inserire.

Esegui un numero enorme di applicazioni

Con oltre 33.000 librerie e applicazioni trasferite , FreeBSD supporta applicazioni per desktop, server, appliance e ambienti embedded.

Facile da installare

FreeBSD può essere installato da una varietà di supporti inclusi CD-ROM, DVD o direttamente sulla rete usando FTP o NFS.

FreeBSD è gratuito

Anche se potresti aspettarti che un sistema operativo con queste funzionalità venga venduto a un prezzo elevato, FreeBSD è disponibile gratuitamente e viene fornito con il codice sorgente.

Contribuire a FreeBSD

È facile contribuire a FreeBSD. Tutto quello che devi fare è trovare una parte di FreeBSD che ritieni possa essere migliorata e apportare queste modifiche (attentamente e in modo pulito) e inviarle al Progetto tramite una segnalazione di bug o un committer, se ne conosci uno. Questo potrebbe essere qualsiasi cosa, dalla documentazione all’opera d’arte al codice sorgente.

Anche se non sei un programmatore, ci sono altri modi per contribuire a FreeBSD. La FreeBSD Foundation è un’organizzazione senza scopo di lucro per la quale i contributi diretti sono interamente deducibili dalle tasse.

Chi usa FreeBSD?

FreeBSD è usato per far funzionare alcuni dei più grossi siti su Internet, inclusi:

  • Yahoo!
  • Apache
  • Blue Mountain Arts
  • Pair Networks
  • Sony Japan
  • Netcraft
  • Weathernews
  • Supervalu
  • TELEHOUSE America
  • Sophos Anti-Virus
  • JMA Wired
  • …e molti altri.

Cosa può fare?

FreeBSD ha molte caratteristiche degne di nota. Alcune di queste sono:

  • Multitasking preemptive con adattamento dinamico della priorità per assicurare una condivisione regolare ed equa del computer ad applicazioni e utenti, persino sotto i carichi più pesanti.
  • Facility multiutente che permettono a molte persone di usare un sistema FreeBSD contemporaneamente per cose diverse proteggendo le risorse di sistema critiche dall’uso eccessivo.
  • Un solido sistema di rete TCP/IP con supporto a standard industriali quali SCTP, DHCP, NFS, NIS, PPP, SLIP, IPsec, e IPv6. Questo significa che la tua macchina FreeBSD può interagire facilmente con altri sistemi ed anche agire come server aziendale, fornendo funzioni vitali come NFS (accesso remoto ai file) e servizi e-mail oppure mettere la tua organizzazione su Internet con servizi WWW, FTP, routing e firewall (sicurezza).
  • La protezione della memoria ad assicurare che le applicazioni (o gli utenti) non possano interferire l’una con l’altra. Una applicazione che andrà in crash non influirà sulle altre in alcun modo.
  • Un sistema operativo a 32 bit (64 bit su Alpha Itanium®, AMD64, e UltraSPARC®) progettato come tale sin dall’inizio.
  • Lo standard industriale X Window System (X11R7) fornisce una interfaccia grafica utente (GUI) al costo di una comune scheda VGA.
  • Compatibilità binaria con molti programmi sviluppati per Linux, SCO, SVR4, BSDI e NetBSD.
  • Nella collezione di port e package per FreeBSD sono disponibili migliaia di applicazioni pronte a partire.
  • Su Internet sono disponibili migliaia di applicazioni aggiuntive facili da portare. È compatibile a livello di codice sorgente con la maggior parte dei sistemi UNIX® commerciali e così la maggior parte delle applicazioni richiedono poche modifiche per essere compilate, se non nessuna.
  • La memoria virtuale paginata su richiesta e il progetto con “VM/buffer cache” integrati soddisfa efficientemente le applicazioni con grandi appetiti di memoria mantenendo ancora la risposta interattiva per altri utenti.
  • Il supporto SMP per macchine con CPU multiple.
  • Una dotazione completa di strumenti di sviluppo.
  • Avere il codice sorgente dell’intero sistema significa avere un alto grado di controllo sull’ambiente.
  • Estesa documentazione online

Alice Zaniolo

Millennial classe 1997 con una laurea in Interpretariato e Comunicazione. Creativa e dinamica amo l’arte in ogni sua forma e sfaccettatura.

Il mio hobby preferito? Fare lunghe passeggiate in compagnia del mio amico a quattro zampe.